Solo il meglio dei nostri progetti, nuovi prodotti, eventi ed esclusive collaborazioni. Iscriviti alla newsletter

News

Salvatori presenta Taula: parliamone con Patricia Urquiola

07.2021

Taula: la nuova collezione di tavoli disegnata da Patricia Urquiola

Dalla nostra recente collaborazione con Patricia Urquiola nasce Taula: una collezione di dining e coffee table che si ispira, nel nome e nelle fattezze, agli imponenti megaliti ritrovati a Maiorca e Minorca.

Patricia Urquiola gioca con la matericità della pietra, riuscendo a connotare un materiale tradizionalmente greve con un’inaspettata leggerezza.

Infatti, grazie a un alto lavoro di artigianalità e tecnologia, il piano realizzato in marmo sembra fluttuare sopra il supporto con un’aura quasi mistica.

Scopri di più su Taula attraverso i pensieri della designer Patricia Urquiola.

Com’è stato lavorare con la pietra naturale e come si è inserito questo materiale all’interno del tuo stile di design?

Fin dall’inizio abbiamo messo al centro del progetto il grande rispetto per la materia, comprendendo che si tratta di una risorsa da preservare e approcciare con cura. Abbiamo lavorato sempre a quattro mani con Salvatori per scegliere pietre provenienti da cave proprietarie autoctone.

Abbiamo avuto così la possibilità di lavorare con una filiera corta e sicura e mi piace dire che ci siamo adattati alla pietra e alle sue caratteristiche.

Hai chiamato la collezione Taula. Puoi spiegarci il perché? Cosa l’ha ispirata?

La collezione è un riferimento a costruzioni ancestrali che vengono però rilette e semplificate. I tavoli sono quasi delle strutture schematizzate che si possono tratteggiare con un unico segno che parte dal piano e va fino ai volumi solidi che lo sostengono.

Gli elementi di Taula si sfiorano quasi impercettibilmente. Il fascino peculiare dei tavoli sta proprio in questa voluta ‘precarietà’ delle giunture e dei volumi, quasi in contrapposizione con l’idea tradizionale di costruzioni marmoree possenti.

ACQUISTA ORA

Quali pietre hai usato e perché?

Ancora una volta, è stato il rispetto e la disponibilità del marmo in natura a guidarci. Crema d’Orcia, Bianco Carrara, Pietra d’Avola, Gris du Marais® e Verde Alpi sono i protagonisti della collezione, sempre in dialogo gli uni con gli altri.

Salvatori ci ha dato una grande libertà di composizione e abbiamo potuto così progettare tavoli sia mono-materici sia bi-materici, abbinando due diversi tipi di marmo.

Nello specifico, il tavolo dining rettangolare è proposto integralmente in Crema d’Orcia o in Pietra d’Avola oppure nella versione in Bianco Carrara con gambe in Pietra d’Avola sabbiata. Il dining quadrato è invece disponibile in Gris du Marais® o Bianco Carrara oppure nella versione in Bianco Carrara con gambe in marmo Verde Alpi sabbiato.

Completano la collezione le 6 proposte di coffe table: i tavolini sono progettati nella variante Bianco Carrara con gambe in Verde Alpi sabbiato per la versione tonda e in Crema d’Orcia con gambe in Pietra d’Avola per la forma rettangolare. Nelle versioni mono-materiche invece ritroviamo il Bianco Carrara e il Gris du Marais® per la variante rettangolare e Crema d’Orcia o Pietra d’Avola per la variante circolare.

ACQUISTA ORA

Taula è il secondo progetto che sviluppi con Salvatori, in cosa si distingue da Kore, il tuo primo progetto?

Taula è stato un progetto di arredi completo e il suo sviluppo è stato più lungo di Kore, comportando varie fasi di test e sperimentazioni per arrivare alla collezione finale. Un progetto estremamente appassionante che, possiamo dire, ha accompagnato quello di Kore simultaneamente.

Kore è la sua collezione ‘sorella’ che vuole riflettere sul significato più profondo della parola casa e della sua evoluzione.

Come è stato lavorare con l’Azienda per la realizzazione di Taula? Quali sfide hai incontrato e come le avete superate?

La sfida principale è stata la tenuta, la necessità di trovare l’equilibrio nel gioco di pesi e rendere funzionale l’incontro fra il metallo e marmo, imparando a valutare i limiti di ciascun materiale.

Taula è un progetto nato in pieno lockdown, in un momento di stasi per quanto riguarda le fasi di test e prototizzazione, temi fondamentali soprattutto se si lavora con il marmo, materia che ha bisogno di cure estreme e non ti concede di sbagliare.

Il rapporto fra il team dello studio e di Salvatori è nato digitalmente; ricordo ancora le tante riunioni online che non ci hanno impedito comunque di creare un rapporto molto coeso, anche se nato a distanza.

Possiamo dire che è stato un progetto rimasto digitale per molto tempo e ora vedere dal vivo ci dà ancora più gioia.

ACQUISTA ORA

Taula è il frutto di un lavoro di grande precisione tecnologica e artigianale, che ha comportato per l’azienda un lungo studio delle forme e delle prospettive. Sono state necessarie varie fasi di test e sperimentazioni per arrivare alla collezione finale, ma il risultato è una splendida serie di tavoli dal design innovativo e mistico.