La nostra produzione e le spedizioni sono totalmente operative. Salvatori è prima di tutto un’azienda di persone ed abbiamo messo in atto tutte le misure necessarie per tutelare la salute dei nostri collaboratori.

News

Il viaggio del marmo: dalla natura per la natura

04.2021

Dalla natura per la natura: il viaggio del marmo

Non sono molte le aziende che trattano il marmo con la stessa devozione con cui lo trattiamo noi, sia che si tratti di design, arredamento oppure di arte.

Il nostro approccio è trasformare il marmo in un prodotto discreto, non appariscente che stupisca per la sua bellezza. Non amiamo le superfici lucidate a specchio che snaturano le qualità della pietra rendendola opulenta. Al contrario, tendiamo a utilizzare finiture discrete e opacizzate che permettano al materiale di apparire come estratto in natura. Voi quante montagne lucide avete visto?

Ovviamente però nel corso della storia, Salvatori non è stato l’unico esempio di lavorazione naturale e devota della pietra naturale; tanti altri scultori ed artisti lo hanno fatto, tra cui sicuramente è impossibile non citare Henry Moore, il quale nelle sue opere, asseconda e lavora la materia come fa la natura, capace di smussare angoli ed escrescenze con dolcezza e delicatezza.

Tuffati con noi nel viaggio del marmo, un materiale che va dalla natura alla natura e per la natura.

L'approccio Salvatori

Crediamo nell’artificio. Rifiutiamo le risposte complesse, perché le soluzioni intricate nascondono una mancanza di chiarezza, un’effettiva inconsistenza. Ci piace trattare bene la materia che utilizziamo per i nostri lavori.

Siamo sofisticati per natura, perché è la natura che guardiamo, rispettandola nella sua identità più pura. Il marmo sa essere l’elemento ideale per il design, a patto che gli venga concesso di esprimersi al meglio e questo significa conoscerlo e, di conseguenza, trattarlo adeguatamente.

Le nostre opere nascono grazie a un marmo che rimane il più possibile fedele alla sua identità, senza quindi trattamenti che andrebbero a snaturarlo.

Il nostro impegno in questo senso è continuo, sia nello sviluppo di innovativi arredi per interni che in evocativi progetti per esterni: un impegno verso l’arte e il design che da sempre ci contraddistingue.

La nostra chaise longue Curl, nata dalla collaborazione con Piero Lissoni ne è un magnifico esempio.

Vincitrice dei Wallpaper* Design Awards 2021, nella categoria “migliori forme Scolpite”, Curl unisce dentro di sé tutta la plasticità e la naturalezza del marmo. Scolpita da un unico blocco di pietra naturale, in Bianco Carrara o Pietra d’Avola, il suo profilo etereo e sinuoso esalta e valorizza la natura, intrinsecamente ancestrale, del marmo.

È anche grazie alla nostra devozione che importanti artisti di fama internazionale ci scelgono per dare forma alle loro idee. Nel 2014, il noto architetto giapponese Kengo Kuma ha scelto il nostro Bianco Carrara per realizzare la sua Stone Forest.

Realizzata sulla base della tecnica del jigoku-gumi, un sistema di costruzione utilizzato nell’architettura giapponese per realizzare griglie strutturali in legno, Kuma si serve del marmo Salvatori per sfidare la pesantezza della pietra naturale. In questo modo, con un progetto dalle linee semplici e naturali, riesce a valorizzare l’innata eleganza e versatilità del marmo, senza snaturarlo.

Un design minimale che ci appartiene completamente: crediamo infatti che la bellezza non abbia necessità di essere sovraccaricata per raggiungere tale identità. Anzi, un design eccessivamente pieno è un’idea collassata in partenza: ben lungi dall’essere sinonimo di banalità, il minimalismo applicato allo spazio consente di essere pienamente consapevoli dell’ambiente che si vive quotidianamente.

Siamo naturali per natura, semplici per scelta, ricercati per definizione.

L'approccio Henry Moore

Tutta la natura è una sconfinata manifestazione di linee e forme.

Era quanto sosteneva Henry Moore, che ammetteva di rimanere sempre sorpreso quando gli artisti tentavano di allontanarsi da questo punto: tutto, ogni forma, ogni frammento di forma naturale, siano animali, persone, sassi, conchiglie, qualsiasi cosa ci piaccia e catturi la nostra attenzione può aiutarci a realizzare arte. Secondo il grande scultore inglese l’arte è basata sui sensi ed è questa la chiave principale per capire le sue opere e il suo rapporto con il marmo.

Essere figlio di un minatore ha portato Moore a una maturazione umana e artistica peculiare, con una visione della vita e della sua professione che si distanziava da quella di molti suoi colleghi.

A differenza infatti di altri maestri del marmo, come Michelangelo che ambiva a una prorompente forma statica, o come Canova che invece cercava la perfetta armonia classica, Moore aveva altri punti di riferimento, prime su tutti l’arte primitiva, egizia e sumera.

Proprio come noi, Moore non ambiva al conseguimento della perfezione, di per sé irraggiungibile, bensì a raggiungere un valore plasmabile e ricco nella sua totale semplicità: non è riempiendo l’occhio di elementi che si realizza un insieme armonico ed equilibrato, perché – come dicono proprio gli inglesi – less is more. Moore guardava alle sue opere in marmo come elementi naturali contestualizzati in un contesto non artefatto, bensì totalmente naturale.

Ecco quindi che la sua arte è riuscita a rendere il marmo morbido, sinuoso, una materia plastica e semplice, una bellezza ricondotta ai suoi elementi essenziali. Linee e curve che riempiono uno spazio, elevandolo.

Ora che sapete il nostro pensiero marmo e il suo design, fatevi trascinare dall’ispirazione che il nostro shop propone e, se interessati ad avere maggiori informazioni, non esitate a contattarci!